Amato Renzo Oscar

Renzo Oscar Amato nasce a Roma il 24 marzo del 1932, si laurea alla Facoltà di Architettura di Roma nel 1961 con una tesi su un edificio ospedaliero; consegue l’abilitazione ed è iscritto all’Albo dell’Ordine degli Architetti PPC di Roma e provincia nel 1962 con la matricola n. 1427.

Dopo la laurea collabora come assistente volontario nel Corso di Igiene Edilizia del prof. Salvatore Tomaselli e poi in quello di Tecnica delle Costruzioni del prof. Gaetano Minnucci.
Già tra il 1961 e il 1963 collabora a varie direzioni lavori, all’elaborazione di progetti esecutivi e alla partecipazione a gare di appalto per conto delle Società immobiliari Lucilio Srl e Piazza Sassari SpA.

Nel 1965 ottiene l’idoneità all’insegnamento di Disegno Geometrico, Architettura e Prospettiva al Liceo Artistico.
Dal 1965 al 1987, svolge attività didattica e di ricerca presso l’Istituto di Scienza e Tecnica delle Costruzioni della Facoltà di Architettura di Valle Giulia a Roma nel Corso di Consolidamento e Adattamento degli Edifici, tenuto dal prof. Giuseppe Cigni, in quanto vincitore di concorso nazionale universitario come tecnico laureato.
Tra il 1976 e il 1978 consegue la qualifica di studioso nei concorsi per incarichi di insegnamento nelle seguenti discipline: Materiali da costruzione artificiali; Igiene edilizia; Consolidamento e Adattamento degli edifici. Svolge considerevole attività didattica nei corsi afferenti, anche come membro delle Commissioni di esami. Partecipa anche ad alcune ricerche scientifiche e sperimentazioni, relative a: tecniche di consolidamento delle travi in legno, per il CNR; rilevamenti dell’andamento dei movimenti del Palazzo di Giustizia a Roma e indagini storiche sulle preesistenze archeologiche dell’area, per l’Istituto di Scienza e Tecnica delle Costruzioni – Commissione Ministeriale, sperimentazioni su materiali e strutture di ponti viadotti, edifici vari, per l’Istituto stesso.

Durante la sua lunga carriera opera in numerosi settori dell’edilizia: progettazione, consolidamento, restauro, urbanistica, architettura degli interni e arredamento, perizie, impianti, consulenze, collaudi, direzioni lavori e ogni altro adempimento tecnico-amministrativo connesso alla professione.
A tal fine fonda uno Studio integrato polivalente, avvalendosi di professionisti esperti nei vari settori disciplinari.
Come progettista è incaricato di numerosi interventi di edilizia residenziale, realizzati prevalentemente nel Lazio, quali ad esempio: casa bifamiliare in via Aurelia a Roma (1966); villa in via della Giustiniana a Roma (1975); case a schiera a Torvaianica, Pomezia (Roma) con Paolo Rocchi (1976); ville e case a schiera bifamiliari e trifamiliari a Monterosi (Viterbo) negli anni 1976-93; casa bifamiliare a Marina di Ragusa (Ragusa) nel 1985; edificio con 40 appartamenti per IACP e variante al PRG di Guidonia (Roma), con Matilde Fornari (1984); fabbricato con 48 appartamenti in via della Pisana a Roma (1984); edificio bifamiliare a Monterosi (Viterbo) nel 1993.
Numerosi sono i progetti e le opere di consolidamento e ristrutturazione di edifici prevalentemente residenziali condotti in collaborazione con il prof. Giuseppe Cigni, tra i quali: Castelgabbione a Orte (Viterbo) nel 1974; edificio del Demanio Militare di via Marsala a Roma (1977); fabbricati dissestati nel centro storico di Cave (Roma) nel 1979.
Nel 1966 progetta anche l’Istituto Tecnico Industriale femminile a Palestrina (Roma) per conto della Provincia di Roma.

In campo urbanistico, nel 1968 partecipa alla stesura del Piano di Zona 167 a Monterosi (Viterbo). In collaborazione con l’ing. Ettore Sebasti cura la redazione di diversi strumenti urbanistici, quali: il Piano Regolatore Generale di Palestrina (Roma) del 1966; il Piano Regolatore Generale di Capranica (Viterbo) dello stesso anno; il Piano di Ricostruzione di S. Vito Romano (Roma) del 1967.
Sempre con l’ing. Sebasti si occupa di diversi Programmi di Fabbricazione e Regolamenti Edilizi tra i quali, quelli di: Marcellina (Roma) del 1967; di Monteflavio, di Riofreddo e di Rignano Flaminio (tutti in provincia di Roma) del 1968; di Sanbuci (Roma) del 1969.

Svolge attività di collaudatore statico di strutture in cemento armato e altre opere infrastrutturali, oltre a numerose consulenze tecniche di ufficio e di parte e perizie di stima per privati, Società e per il Tribunale di Roma.Ad esempio all’inizio degli anni Ottanta collabora alla consulenza progettuale per la costruzione di alloggi in ville uni-bifamiliari prefabbricate con il sistema “tunnel coffrage”, l’installazione in sito di pareti e solai con tecniche avanzate di industrializzazione, l’utilizzo di cementi cellulari portanti e di pannelli solari e alla progettazione esecutiva delle opere d’arte delle strade Riyadh-Khurais e Madares per conto del Ministero delle Comunicazioni dell’Arabia Saudita.

Svolge sempre una costante attività di formazione, partecipando a corsi di aggiornamento su: costruzioni in acciaio, tecnica edilizia, edifici in zona sismica, cemento armato precompresso, scelta degli interventi e criteri di calcolo, metodologie di ricerca e tecniche di consolidamento contro il degrado per i monumenti storici.

Nel 1964 è iscritto all’Albo GESCAL per le Sezioni Urbanistica e Edilizia.
Consegue, inoltre, alcune specializzazioni quali: diploma di specialista in Igiene Edilizia e Tecnica Ospedaliera, sostenendo 18 esami e una tesi finale (1973); abilitazione Usi Civici (1990) e iscrizione al relativo Albo; abilitazione a coordinatore per la progettazione e l’esecuzione dei lavori per la sicurezza nei luoghi di lavori (1997) e iscrizione all’Albo.
Inoltre, è esperto della CCIAA (Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura) di Roma nei settori per i materiali, le costruzioni, gli impianti, i legnami, le stime e le valutazioni immobiliari e, dal 1964, è iscritto nel Ruolo Ordinario e Speciale degli agenti di affari in mediazione e nell’elenco dei verificatori per la sicurezza degli impianti della CCIAA stessa.
Dal 1965 è consulente per il Tribunale di Roma e la Sezione Fallimentare e dal 1994 è iscritto all’Albo dei collaudatori della Amministrazione Provinciale di Roma, della ex Cassa per il Mezzogiorno e del Servizio giardini del Comune di Roma.
È iscritto anche nell’elenco per la prevenzione incendi e in quello dei periti dei fondi comuni di investimento immobiliare presso il Ministero del Tesoro (1995).

È tra i soci fondatori del Ce.S.Arch. (Centro Studi Architetti) dell’Ordine degli Architetti di Roma e dell’Associazione ARCHI FORMAT, nonché membro dell’Osservatorio del Fascicolo Fabbricati del Comune di Roma.
È anche cofondatore, e ora socio onorario, della FederArchitetti Snalp di Roma.

Sino ad oggi, e ultimamente quale titolare dello Studio Tecnico Polivalente, svolge numerose consulenze, direzioni lavori, progettazione e sicurezza, anche per ciò che concerne l’installazione di impianti solari, fotovoltaici e relativi servizi, e cura la redazione della certificazione di prevenzioni incendi, come nel caso di una autorimessa da 74 posti nel Piano di Zona B/39, Roma – Ponte Galeria.

È autore, inoltre, di alcune pubblicazioni tecniche sugli aspetti legati ai problemi delle costruzioni in acciaio, al consolidamento delle travi in legno, all’analisi del comportamento dei materiali, alla diagnosi dei dissesti e agli interventi di recupero statico-funzionale e restauro.

 

L’archivio è conservato presso lo Studio dell’architetto (via G. Mussi 5, Roma – via Poggio Catino 4, Roma), che ne è il referente

 

ELENCO COMPLETO DELLE OPERE: Clicca qui

 

Immagini di alcune delle opere più significative: