Pennestri Giorgio

Giorgio Pennestri nasce a Roma il 24 aprile 1940, si laurea in Architettura presso l’Università di Roma “Sapienza” nel 1964 e, abilitato alla professione nello stesso anno, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Architetti PPC di Roma e provincia con la matricola n. 1674.

Dal 1963 al 1968 svolge attività di progettazione presso alcuni Studi tecnici di Roma e con permanenza di un anno (1967-1968) a Jeddah in Arabia Saudita, in qualità di Resident Engineer per conto di AIA Consulting Company.

Nel 1968 in qualità di esperto in pianificazione turistica delle Nazioni Unite in Jugoslavia, risiede per un anno presso l’ufficio di Budva (Montenegro) e partecipa alla redazione di Piani e Programmi di Sviluppo Turistico della costa del Montenegro nell’ambito dell’United Nations Development Program (UNDP) con un gruppo di tecnici italiani, francesi e montenegrini.

Vincitore del concorso pubblico per titoli ed esami bandito dal Ministero dei Lavori Pubblici nel 1969, viene nominato architetto del Genio Civile presso l’Ufficio Speciale per l’Aeroporto di Roma – Fiumicino.
In team con altri colleghi, risulta vincitore, nel 1970, del concorso per il progetto della nuova aerostazione passeggeri dell’Aeroporto Internazionale di S. Eufemia Lamezia Terme (Catanzaro) sito lungo la costa calabrese; progetto realizzato e pubblicato sulla rivista L’Architettura. Cronache e Storia n.12 del 1984.
Dal 1970 lavora presso la Società Italstat SpA in qualità di Capo progetto della nuova aerostazione passeggeri dell’Alitalia per l’Aeroporto “Leonardo da Vinci” di Roma – Fiumicino e partecipa allo sviluppo di numerosi altri progetti di infrastrutture e centri intermodali di trasporto fino al 1974.

Dal 1974 al 2001, è assunto con la qualifica di Dirigente dalla Società Aeroporti di Roma – ADR costituita per lo sviluppo e la gestione del Sistema Aeroportuale della Capitale formato dagli Aeroporti di Roma – Fiumicino e Roma – Ciampino; svolge inizialmente funzione di Capo Servizio Progetti (1974-80), diviene poi Vicedirettore per lo Sviluppo Aeroportuale (1980-92), è nominato successivamente Direttore per gli Acquisti, Approvvigionamenti ed Appalti (1992-95) ed infine è Direttore per lo Sviluppo Aeroportuale (1995-2001).

Redige e/o coordina, e dirige, numerosi progetti e i Piani di Sviluppo degli Aeroporti di Fiumicino e Ciampino partecipando a molteplici gruppi di lavoro costituiti dalle Associazioni aeroportuali europee ed internazionali dei gestori aeroportuali.
Tra gli interventi effettuati per l’Aeroporto “Leonardo da Vinci”, si occupa in particolar modo, e in collaborazione con Bonifica SpA e SPEA, del coordinamento e della progettazione della stazione ferroviaria in aeroporto assieme a Paolo Cercato, mentre, con lo Studio Valle, si occupa del nuovo molo domestico, della nuova torre uffici ENAC e CNA, dei nuovi parcheggi multipiano, del nuovo molo Est (EU) per i passeggeri internazionali, del nuovo Terminal B “lato città” per i voli internazionali (T3), del nuovo Terminal A “lato città” per i voli nazionali (T1) e del nuovo Satellite Ovest.

Per conto della Società Airport Company South Africa (ACSA), della quale ADR è azionista, imposta, redige e coordina, nel 1999, i Piani di Sviluppo degli Aeroporti di Johannesburg, Città del Capo e Durban (Sud Africa), il progetto del nuovo terminal domestico di Johannesburg ed il progetto per il nuovo molo internazionale, progetti poi realizzati da ACSA.
Ricopre la carica di Consigliere di Amministrazione delle Società Aeroporti di Roma Engineering e ADR International South Africa e, nel ruolo di Direttore Acquisti ed Appalti di Aeroporti di Roma, è Presidente e/o membro di numerose Commissioni giudicatrici di gare di appalto per opere pubbliche.

Nel 2001 diviene consulente della Società SEA di gestione degli Aeroporti di Milano per l’aggiornamento dei progetti di ampliamento dell’aerostazione passeggeri di Malpensa, come sede hub per il traffico Alitalia e dell’aerostazione di Milano – Linate, per la quale viene definita una riconfigurazione dell’area partenze con accorpamento dei varchi di sicurezza prima dei controlli passaporti sui passeggeri internazionali per creare, a valle della sicurezza, una sorta di piazza di concentrazione delle principali attività commerciali al servizio di tutte le tipologie di traffico; questa soluzione progettuale viene successivamente realizzata.

Dal 2006 al 2010 è nominato Consulente della Società AIRGEST per la gestione dell’Aeroporto di Trapani – Birgi, e Responsabile Unico del Procedimento per la realizzazione delle opere finanziate con i fondi FAS sull’Aeroporto di Trapani. L’intervento prevede: l’ampliamento dei piazzali di sosta degli aeromobili e dell’aerostazione passeggeri (stimati a 2 milioni l’anno), un nuovo deposito carburanti AVIO, la ristrutturazione dell’edificio merci, un nuovo edificio per la manutenzione e il ricovero dei mezzi di rampa. Con la Delibera 8/2009 dell’Assemblea Consiliare (art. 8 Statuto ENAC D.M. 3/6/99) è nominato membro del Comitato Consultivo Tecnico Economico Finanziario di ENAC.

Nel 2011, nell’ambito del Piano per la realizzazione del nuovo Aeroporto di Herat in Afghanistan, coordinato dal Ministero dell’Industria e dall’Ente Nazionale dell’Aviazione Civile, redige il progetto preliminare per il Terminal Passeggeri tenendo in particolare conto le locali tradizioni tecnologiche ed architettoniche. Il piano ed il progetto del terminal sono illustrati al Presidente Hamid Karzay dall’onorevole Sergio Romani nel corso della visita in Afghanistan del 17 novembre 2011.

Dal 2000 al 2015 è consulente della Società Centostazioni SpA, composta da FS (60%) e privati (40%), per lo sviluppo progettuale e realizzativo dei programmi di valorizzazione commerciale della Società sulle 103 stazioni affidate in gestione dalle FS.
Punto di riferimento e supporto al vertice aziendale per l’analisi e l’individuazione delle priorità d’intervento, per la raccolta e la predisposizione della documentazione di riferimento, partecipa alla definizione del Business Plan ed agli studi di mercato e di investimento per la valutazione di costi e benefici. Definisce i layout distributivi, funzionali e dimensionali con determinazione dei parametri dimensionali e di costo per le ristrutturazioni e/o ampliamenti delle stazioni ferroviarie tenendo particolare conto della necessità di sviluppare e ottimizzare le attività commerciali ed i flussi dell’utenza sui diversi siti, di concerto con le funzioni aziendali delegate.
Cura, con le strutture tecniche dell’Azienda, numerosi progetti preliminari, definitivi ed esecutivi, per le ristrutturazioni delle stazioni ferroviarie facenti parte del patrimonio aziendale ed assume numerosi incarichi per le relative direzioni lavori fino ai collaudi delle opere, in particolare delle stazioni di Trieste, di Padova, di Savona e di Milano – Porta Garibaldi, quest’ultima pubblicata anche sulla rivista internazionale di settore OFARCH n. 93 del 2006.

 

ELENCO COMPLETO DELLE OPERE: Clicca qui

 

Immagini di alcune delle opere più significative: