Piccinelli Paolo

Paolo Piccinelli nasce a Roma nel 1934 e si laurea dottore in architettura nella Facoltà di Architettura della “Sapienza” Università di Roma il 26 novembre 1962 con voto 110/110. L’anno seguente, il 26 marzo 1963, si abilita all’esercizio professionale e, in data 4 giugno 1963, si iscrive all’Albo dell’Ordine degli Architetti PPC di Roma e provincia con la matricola n. 1541.

Durante il periodo accademico si distingue nel Corso biennale di Disegno dal vero tenuto dal prof. Luigi Vagnetti e, nel febbraio del 1957, tre dei suoi disegni vengono pubblicati sulla monografia del corso, tra cui una vista della cupola della Chiesa di Sant’Andrea della Valle ripresa da piazza dei Satiri.
Negli anni immediatamente successivi alla laurea (1962-64) lavora presso lo Studio dell’arch. Mario Fiorentino, collaborando alle varie fasi di progettazione di numerose opere edilizie ed urbanistiche. In quegli anni, inoltre, insieme ad alcuni colleghi, inizia la propria attività professionale partecipando, nel ruolo di capogruppo, a concorsi nazionali ed internazionali. Tra questi si ricordano il concorso nazionale per un’idea architettonica IN/ARCH – Domosic con la progettazione di una struttura prefabbricata smontabile in acciaio e materiale plastico; il concorso nazionale per il nuovo complesso ospedaliero psichiatrico provinciale di Fermo, vincendo il II premio ex-aequo (I premio non assegnato) e vedendo il proprio progetto pubblicato sulla rivista AR dell’Ordine degli Architetti di Roma; il concorso internazionale per la realizzazione del Centro Beaubourg a Parigi, indetto dai Ministeri dell’Educazione Nazionale e degli Affari Culturali (1971).

Nel 1964 consegue l’abilitazione all’insegnamento di Tecnologia delle costruzioni, impianto di cantiere ed estimo negli istituti tecnici industriali per edili, mediante esame di stato indetto con DM 15 agosto 1964, ed inizia a svolgere la libera professione in collaborazione con altri colleghi.
Nello stesso anno, viene assunto presso l’INCIS inizialmente nella carriera direttiva come architetto in servizio non di ruolo, poi, nel 1970, diviene di ruolo fino a diventare, attraverso il concorso interno del 1973, direttore tecnico della Sezione Grandi Complessi presso l’Ufficio Progetti. In tale ruolo, svolge attività di: esame, valutazione ed approvazione dei progetti urbanistici ed edilizi presentati dai professionisti esterni incaricati; progettazione, anche in collaborazione con architetti interni all’Istituto, di numerosi fabbricati e centri commerciali realizzati, in particolare, nelle città di Bodio (Varese), Milano, Padova, Cremona e Pescara. Attività che si conclude alla fine del 1974 per soppressione dell’Istituto medesimo.
Parallelamente agli incarichi INCIS continua a portare avanti la propria attività di libero professionista progettando, ed in gran parte realizzando, fabbricati residenziali di varie tipologie, ristrutturazioni ed arredamenti di locali commerciali, abitazioni e studi professionali, nonché Piani urbanistici e lottizzazioni convenzionate. Tra questi, la Libreria Kappa in viale Ippocrate a Roma e l’Atelier Chester Man in via Arenula; due ville a San Felice Circeo (Latina) e, a cavallo tra il 1970 e il 1971, la nuova sede Citroën al km 1700 della via Tuscanese a Viterbo. L’edificio, realizzato in collaborazione con l’ing. G. Squadrilli, è una concessionaria con autosalone, uffici, magazzini ed officina che si compone di più corpi cilindrici, collegati tra loro ad esprimere gli ingranaggi di un motore, realizzati in cemento armato a sostegno dei grandi solai circolari destinati all’esposizione all’esterno, evitando la presenza di pilastri per consentire il libero movimento delle automobili all’interno del complesso. Proprio per il forte legame tra forma, struttura e funzione, nel 1975 il progetto viene pubblicato sulla rivista L’Architettura, n. 240/1975.

Nello stesso 1975, in seguito alla soppressione dell’INCIS, sceglie di inserirsi in Regione Lazio con assegnazione provvisoria all’Assessorato LLPP nel Settore Problemi della Casa ed è subito inquadrato con la qualifica di funzionario direttivo, collaborando alla ricerca ed allo studio dei dati relativi ai programmi di attuazione dell’edilizia residenziale pubblica e privata. Elabora e coordina i dati, curando inoltre la veste tipografica della pubblicazione sul BUR dei rilevamenti statistici sull’entità e sullo stato di attuazione dei programmi relativi all’edilizia residenziale pubblica sovvenzionata, agevolata e convenzionata negli anni 1976-78. È inoltre membro del gruppo di lavoro coordinato per la redazione delle osservazioni da parte della Regione Lazio alla bozza dei “Criteri tecnici generali per la progettazione, l’esecuzione ed il collaudo delle costruzioni di edilizia residenziale pubblica” (ai sensi dell’art. 5 del DPR 30/12/1972, n. 1036) e fa parte del gruppo di lavoro coordinato per la stesura del nuovo tariffario dei prezzi approvato dalla Giunta Regionale con Deliberazione n. 3052 del 12/07/1977.
Dopo essere diventato dirigente tramite concorso interno per titoli ed esami, nel 1980 è incaricato di presiedere il coordinamento della struttura operativa CORL, istituita dalla Regione Lazio ad Avellino, per attuare sul territorio disastrato dal terremoto, di concerto con le Amministrazioni locali, il piano degli aiuti a carico della Regione.
Nel 1982 si iscrive all’Albo dei Consulenti Tecnici presso il Tribunale Civile di Roma e, da allora, redige numerose perizie tecnico, finanziarie, amministrative, riguardanti organismi edilizi ed urbanistici, sia in qualità di CTU del Tribunale Civile di Roma, sia in riferimento ad incarichi ricevuti dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Viterbo.
Nei primi anni 1980-85, nell’Assessorato ai LLPP, svolge incarichi ispettivi di vigilanza ed indagine peritale tecnico, amministrativa ed economica su complessi edilizi realizzati dall’IACP di Roma e provincia. Coordina inoltre le Commissioni istruttorie per l’esame tecnico, amministrativo e finanziario dei progetti presso il CTCR – Comitato Tecnico Consultivo Regionale.

Nel 1987, partecipa ad un nuovo concorso interno per titoli, bandito per la determinazione di una graduatoria volta ad indicare la definitiva collocazione nelle due posizioni di dirigenza previste: I livello e II livello apicale con qualifica di Coordinatore di Settore (quest’ultimo limitatamente a 127 posti). Risulta in un primo momento non utilmente inserito nel I livello dirigenziale, ma successivamente, a seguito di ricorso al TAR – Lazio, con sentenza favorevole ribadita dal Consiglio di Stato, risulta vincitore ed utilmente inserito nella graduatoria, redatta dal Commissario ad acta nel 1995, con conseguente inquadramento nella qualifica apicale ex tunc.
Successivamente al concorso, come dirigente di I livello, fa parte del gruppo di lavoro coordinato presso l’Assessorato all’Urbanistica per la localizzazione degli impianti tecnologici previsti dal Piano Regionale dei Rifiuti e prende parte alla Commissione tecnica prevista dalla convenzione tra Regione Lazio ed ENEA.
Dal 1988 dirige inoltre l’Ufficio 3 del Settore Energia presso l’Assessorato ai Trasporti della stessa Regione Lazio, ruolo che gli consente poi di coordinare la Commissione Tecnica Interassessorile per la Geotermia essendo membro e segretario del CTE – Comitato Tecnico per l’Energia.
Nel 1990 gli viene affidata la direzione dell’Ufficio 2 del Settore 31 presso l’Assessorato LLPP per il coordinamento tecnico e documentale dei programmi relativi alle attività sperimentali di recupero edilizio e all’individuazione dei criteri tecnici finalizzati all’elaborazioni di nuove normative e sistemi tecnici operativi.

Come dipendente pubblico e come libero professionista collauda molteplici opere, pubbliche e private, seguendo numerosi corsi di aggiornamento professionale.
Nel corso di tutta la carriera, infatti, pur lavorando costantemente nella Pubblica Amministrazione, non ha mai smesso di esercitare la libera professione, nonostante la difficoltà nel conciliare le due diverse modalità di interpretare il complesso mestiere dell’architetto.

 

ELENCO COMPLETO DELLE OPERE: Clicca qui

 

Immagini di alcune delle opere più significative: