Subentro per una Direzione Lavori da Parte di Altro Tecnico

Avv. buongiorno,
Sono stato sollevato dall’incarico di D.L. dalla proprietà, che ha nominato un Ing. quale D.L. che ha sottoscritto lettera di incarico.
L’Ing. nominato si è subito attivato in cantiere convocando artigiani fornitori d’opera, chiedendo loro grafici e specifiche.
Tutto ciò in evidente deroga alle norme deontologiche tra professionisti e più precisamente all’art. 19 e comma seguenti.
Oltre alla mia segnalazione agli Ordini competenti, Le domando:
Può l’Ing. nominato sottoscrivere una lettera d’incarico senza la predetta verifica in contraddittorio con il sottoscritto ?
Inoltre, è evidente il rischio che possano essere in atto variazioni (manomissioni) a mia insaputa sui lavori da me effettuati in cantiere.
Posso, quindi, “invitarlo” a sospendere qualunque attività inerente l’incarico (a questo punto ancora valido ?)
A mia legale tutela ?
Il subentro in incarico di precedente professionista è regolato dall’art. 19 delle norme deontologiche attualmente in vigore.
La norma ha il fine di tutelare il lavoro svolto dal professionista revocato e per questo impone al subentrante di accettare l’incarico solo dopo avere verificato in contraddittorio il lavoro svolto.
Analoga norma si trova anche nel codice deontologico degli Ingegneri al n. 13.5 :”l’ingegnere che sia chiamato a subentrare in un incarico già affidato ad altri potrà accettare solo dopo che il committente abbia comunicato ai primi incaricati la revoca dell’incarico per iscritto; dovrà inoltre informare per iscritto i professionisti a cui subentra e il Consiglio dell’Ordine” e 13.6: “in caso di subentro ad altri professionisti in un incarico l’ingegnere subentrante deve fare in modo di non arrecare danni alla committenza ed al collega cui subentra”.
Di conseguenza l’Architetto potrà presentare un esposto al Consiglio di disciplina degli Ingegneri esponendo i fatti e chiedendo di intervenire.
Ritengo altresì importante inviare all’ingegnere una raccomandata invitandolo a un incontro sul cantiere per verificare in contraddittorio lo stato dei lavori.
Nel caso di presentazione dell’esposto è importante mettere in indirizzo anche il Consiglio di disciplina degli architetti PPC.
Nel caso dell’invio della raccomandata è importante mettere in indirizzo sia il Consiglio di disciplina degli ingegneri competente per territorio sia il consiglio di Disciplina degli architetti PPC.
Enrico avv. Dante

Non hai trovato una risposta al tuo problema?

Se sei iscritto all'Ordine degli Architetti di Roma e provincia puoi porre il tuo quesito direttamente a un nostro consulente. Cercheremo di rispondere prima possibile e nei limiti delle nostre competenze e possibilità.

  • Hai dimenticato il nome utente o la password? Se sei un architetto iscritto all'Ordine di Roma ma non ricordi il nome utente o la password vai alla pagina di recupero password.