Requisiti del Giovane Professionista in un Raggruppamento per un Concorso

Buongiorno, sono un paesaggista.
A seguito della vittoria exequo di un concorso con un gruppo di professionisti dobbiamo costituire una Associazione Temporanea d’Impresa. La mia questione è se io avendo 35 anni da compiere ed essendo abilitato nel 2011 e iscritto nel 2018 posso essere considerato giovane professionista. In tal caso se è possibile avere una nota scritta da presentare al RUP del concorso.

La ringrazio e le auguro buon lavoro e buona giornata

Gent. le architetto
in risposta al Suo quesito Le comunico che la norma di riferimento inerente al caso di specie è il Decreto ministeriale del 02/12/2016 – N. 263 attuativo del Codice dei contratti pubblici di cui al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 . In particolare l’art. 4, il quale disciplina i requisiti sui raggruppamenti temporanei, stabilisce che ” I raggruppamenti temporanei, inoltre, devono prevedere la presenza di almeno un giovane professionista, laureato abilitato da meno di cinque anni all’esercizio della professione secondo le norme dello Stato membro dell’Unione europea di residenza, quale progettista”.

Pertanto considerato che Lei si è abilitato nel 2011, nonostante si sia iscritto nel 2018, dal tenore letterale della norma, sembra che non possa essere considerato “giovane professionista”.

In tal senso, infatti, si è pronunciato il Consiglio di Stato con sentenza n. 278 del 17 gennaio 2018, affermando che il quinquennio per il riconoscimento della qualifica di giovane professionista decorre dal giorno di conseguimento dell’abilitazione e non da quello dell’iscrizione all’albo professionale.

Ed in effetti una simile conclusione sembra essere in aderenza col tenore letterale della norma ed altresì con la ratio della stessa, benché lo stesso Consiglio di Stato – con precedente sentenza n. 1680 del 2 maggio 2016 – si sia pronunciato diversamente sostenendo che il titolo di professionista è conseguito solo a seguito dell’iscrizione nell’albo di riferimento, e che l’abilitazione è requisito necessario per l’iscrizione anzidetta ma non costituisce di per sé titolo legittimante all’esercizio della professione.
Cordiali saluti.
Avv. Francesco Ghera.

Non hai trovato una risposta al tuo problema?

Se sei iscritto all'Ordine degli Architetti di Roma e provincia puoi porre il tuo quesito direttamente a un nostro consulente. Cercheremo di rispondere prima possibile e nei limiti delle nostre competenze e possibilità.

  • Hai dimenticato il nome utente o la password? Se sei un architetto iscritto all'Ordine di Roma ma non ricordi il nome utente o la password vai alla pagina di recupero password.