Obbligatorietà APE e/o AQE ?

Buongiorno,
vorrei approfondire il tema in oggetto. Ho letto i vostri post relativi a questo argomento dei giorni 13/01/2019 e 23/01/2019 sull’obbligatorietà o meno di presentazione della relazione tecnica di progetto in materia di rendimento energetico secondo Dlgs 192/2005 e s.m.i. e conseguente presentazione dell’Ape in concomitanza con la fine lavori. Nello specifico, in entrambe i casi, per la sostituzione di infissi in un’unità immobiliare si è indicato la non necessità di assolvere ai compiti precedentemente esposti.

Però leggendo bene le specifiche dell’Allegato 1 paragrafo 1.4.2 relative agli interventi di riqualificazione energetica del Decreto del 26/06/2015 “decreto dei requisiti minimi” sembrerebbe che qualsiasi intervento che interessi una qualsiasi variazione energetica dell’involucro, seppur percentualmente minima (quindi anche notevolmente inferiore al 25% della superficie disperdente esterna) rientri nella casistica per la quale è necessario presentare progetto e aqe a fine lavori.
Invece a conclusione del vostro post viene affermato in contrario.
Cosa mi sfugge?

Nel caso di sola sosttituzione di infissi l’AQE deve essere quindi sostituita da dichiarazione dell’installatore sulle caratteristiche degli infissi , così come indicato nel post, o non deve essere consegnato nulla?

Nel mio caso specifico in un appartamento all’interno di un condominio di 9 piani sono state aperte 3 finestre e sostituiti tutti gli infissi. In questo caso come devo comportarmi?

Intanto è necessario distinguere AQE APE :

Una prima importante differenza sta nel soggetto che redige il documento: L’ AQE può essere redatto dal progettista o dal direttore dei lavori, quindi da un tecnico abilitato che ha già avuto un ruolo nei lavori dell’immobile. Viene rilasciato dal costruttore e consegnato al comune insieme alle documentazioni per il rilascio della dichiarazione di fine lavori. L’ APE invece va redatto da un Certificatore Abilitato ed indipendente

Seconda differenza sta nel fatto che nelll’ AQE non è specificata la classe energetica dell’edifico. E’ un documento che secondo il dlgs 311/06 doveva sostituire temporaneamente l’ APE, in attesa che le regioni emettessero i decreti attuativi specifici

In generale oggi l’ AQE è un documento meno utilizzato del passato, viene richiesto solamente in fase di “fine lavori” dal direttore dei lavori.

Nel suo caso se non supera il 25% si superficie disperdente non è obbligata a fare l’APE, se ha una pratica edilizia aperta in comune possono richiedere cmq l’AQE.

Arch. Gianni Terenzi

Non hai trovato una risposta al tuo problema?

Se sei iscritto all'Ordine degli Architetti di Roma e provincia puoi porre il tuo quesito direttamente a un nostro consulente. Cercheremo di rispondere prima possibile e nei limiti delle nostre competenze e possibilità.

  • Hai dimenticato il nome utente o la password? Se sei un architetto iscritto all'Ordine di Roma ma non ricordi il nome utente o la password vai alla pagina di recupero password.