FAQ sportello: Efficienza e Certificazione Energetica

Requisiti di Indipendenza ed Imparzialità dei Soggetti Abilitati alla Certificazione Energetica degli Edifici

Buongiorno,
vorrei sapere se posso redigere un certificato A.P.E. per la casa di mio marito (intestata solo a lui e con divisione dei beni), perché ho letto che non è possibile per parenti fino al quinto grado, ma non penso che un marito rientri nel grado di parentela....
Grazie!Buongiorno, la risposta al suo quesito è NON E' POSSIBILE, infatti l'art. 3, comma 1, lettera b del DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 75 - Requisiti di indipendenza e imparzialità dei soggetti abilitati alla certificazione energetica degli edifici, cita:
"nel caso di certificazione di edifici esistenti,.................... l'assenza di conflitto di interessi, ovvero di non coinvolgimento diretto o indiretto con i produttori dei materiali e dei componenti in esso incorporati nonché rispetto ai vantaggi che possano derivarne al richiedente, che in ogni caso non deve essere né coniuge né parente fino al quarto grado."

Diagnosi Energetica

Buongiorno, vorrei porle un quesito?
Ho letto che per redigere l'APE non serve un corso specifico per chi è iscritto nella sezione A della albo.
Vorrei sapere se per la diagnosi energetica è invece necessario un corso con esame finale presso un ente accreditato e successiva iscrizione a un elenco specifico o se questo obbligo è stato annullato dalla delibera regionale n. 398 del 11.7.2017.
Rimango in attesa di un suo cordiale riscontro.
Saluti.
Ai fini della diagnosi non è obbligatoria la frequenza di uno specifico corso.
Al proposito vedere quanto esplicitato nella specifica pag. del sito fire-italia.org il cui indirizzo è:

http://em.fire-italia.org/aspetti-professionali/

Arch. Bruno Salsedo

AQE Allegato alla Fine Lavori

Buongiorno devo fare fine lavori di una cila. E’ stata staccato l'impianto di riscaldamento dal centralizzato e quindi creato un nuovo impianto, leggendo una sua risposta ho capito che devo presentare un AQE con il fine lavori. Non ho presentato però la relazione alla lex 10 precedentemente. Posso presentarla ora? prima della chiusura? posso firmarla sempre io?
grazieLe confermo che per i lavori di installazione di nuovo impianto è necessaria la presentazione di un AQE, unitamente al fine lavori.

Visto che quando ha presentato la CILA , la sua domanda è stata accettata (e sarebbe interessante sapere se nella ricevuta rilasciatale all’atto della presentazione sono menzionati gli allegati, tra cui la legge prevede anche la Relazione Tecnica ex l. 10), eviterei di fare presente che la Relazione Tecnica ex l. 10 non è stata presentata. Presenterei unicamente l’AQE, unitamente al fine lavori.

L’AQE non deve essere compilato da un Tecnico Indipendente, quindi lei può redigerlo.

Cordiali saluti
Arch. Bruno Salsedo

Requisiti di Indipendenza ed Imparzialità per la Redazione di APE

Buonasera, volevo chiedere un chiarimento in merito ai requisiti di indipendenza e imparzialità dei soggetti abilitati alla certificazione energetica di cui all'art. 3 co. 1 lettere a) e b) del D.P.R. 75/2013.
Avendo un incarico come progettista e direttore lavori di un'unità immobiliare all'interno di un edificio esistente comprendente diversi interventi (ripristino di una parete esterna di tamponatura, sanatoria interna ed esterna), posso redigere l'A.P.E.? Leggendo il D.P.R. nello specifico articolo sembrerebbe di si.
Può chiarirmi in merito?
GraziePurtroppo la sua impressione non è corretta.
Il DPR 75/2013, che regola al materia, stabilisce infatti che, per poter essere Certificatore Energetico, bisogna essere un terza parte, e pertanto non coinvolto, ad esempio, nella progettazione e/o direzione dei lavori dell’immobile.
Cordialità
Arch. Bruno Salsedo

Architetto Junior ed APE

Buongiorno, sono architetto iunior iscritta all'Ordine - laurea in arredamento e architettura degli interni, classe 4. Ho l'obbligo del corso di formazione per firmare l'APE?
Grazie mille
Gentile Architetto,
Lei è in possesso di una Laurea classe 4; pertanto secondo quanto stabilito dal DPR 75/2013 , art. 2 comma 3 lett. b) lei è in possesso dei requisiti di soggetto abilitato alla certificazione energetica degli edifici, sia in quanto risulta sia in possesso di Laurea Classe 4, sia in quanto iscritta presso l’Ordine degli Architetti di Roma, Laurea in Scienza dell’Architettura e dell’Ingegneria Edile.
Naturalmente, in quanto architetto iunior, la sua attività, inclusa quella di certificatore energetico, si svolge nei limiti delle competenze attribuite all’Architetto Iunior.
Cordiali saluti
Arch. Bruno Salsedo

APE e CILA in Sanatoria

Buongiorno,
nella redazione di un APE, riguardante un immobile che presenta delle sole difformità interne (diversa distribuzione degli spazi interni), rispetto ai titoli abilitativi, il tecnico che la redige, commette un'infrazione?
Nello specifico, l'immobile interessato necessiterebbe della presentazione di una CILA in sanatoria, che, al momento della presentazione dell'APE, non sarebbe ancora stata presentata al comune.
grazie.
Il tecnico Certificatore non ha compiti di ispettorato edilizio.
Nel caso in cui l’APE sia relativo ad un immobile esistente, ha il compito di rilevare lo stato di fatto attuale dell’immobile e di redigere l’APE sulla base di quanto rilevato. Ai fini del Certificatore non è rilevante la conoscenza di eventuali procedure di sanatoria che dovessero interessare l’immobile, facendo riferimento allo stato di fatto attuale.
Cordiali saluti
Arch. Bruno Salsedo

Paesaggisti ed APE

Buongiorno,
sono un Paesaggista abilitato alla professione ed iscritto all'ordine. Vorrei sapere se sono abilitata alla redazione di APE oppure è necessario che io segua il corso previsto da 80 ore?
In quanto paesaggista lei non rientra tra i tecnici abilitati ad emettere un APE disponendo unicamente della Laurea e dell’iscrizione all’Albo. Deve frequentare anche il corso di 80 ore accreditato presso la regione Lazio.
Qualora dovesse essere iscritta all’Albo anche come architetto junior, in virtù di questa seconda qualifica potrebbe redigere APE senza frequentare il corso di 80 ore. Naturalmente in quanto architetto junior, vigono le limitazioni relative a tipologia e dimensioni dell’edificio interessato.
Cordiali saluti
Arch. Bruno Salsedo

Lauree Conseguite ai Sensi del Vecchio Ordinamento ed APE

Buonasera, ho conseguito la Laurea in Architettura nel 2002 e sono iscritto all'Ordine nella sez. A dal 2003. Posso redigere e sottoscrivere un APE come tecnico incaricato senza la necessità del corso di abilitazione per la certificazione energetica?
Cordiali saluti
L’obbligo del Corso riguarda “i tecnici abilitati in possesso di uno dei titoli di studio di cui all'art. 2, comma 4, lettere da a) a d) del DPR 75/2013”, vale a dire i tecnici non in possesso di iscrizione all’Albo Professionale, in particolare degli Architetti.
Per quanto riguarda gli iscritti all’Albo, vale quanto disposto da un diverso comma del medesimo articolo 2 del DPR 75, vale a dire il comma 3, che dispone che per gli iscritti all’Albo è sufficiente l’iscrizione medesima, oltre al possesso di uno dei titoli di studio indicati al comma 3.
Inoltre per le Lauree conseguite ai sensi del Vecchio Ordinamento, il Decreto Interministeriale 5 Maggio 2004 equipara la Laurea in Architettura alla Classe di Laurea Specialistica 4/S.
Quindi lei può redigere l’APE senza l’obbligo preventivo di un corso di formazione.
Cordialità
Arch. Bruno Salsedo

Quando l’AQE va Allegato alla Fine Lavori

Buongiorno devo fare 2 fine lavori di 2 appartamenti. E' stata sostituita la precedente caldaia vecchia e obsoleta con una nuova. Ho sostituito gli infissi (in uno solo dei due appartamenti). In entrambi i casi il riscaldamento è centralizzato.
Devo presentare anche AQE con il fine lavori? E se si, con quale software posso calcolare. Ho Docet, con il quale redigo APE, ma non prevede anche AQE. Inoltre ho letto che qualora dovessi presentare AQE dovrei anche aver consegnato in precedenza la relazione legge 10. Può illuminarmi in tal senso per favore?
grazie

La SOLA Modifica dei Radiatori NON Comporta la Redazione dell’AQE per la Fine Lavori di una C.I.L.A.

Avendo già letto la definizione di impianto termico, all'atto pratico cosa si intende per ristrutturazione dell'impianto termico, per la quale bisogna redigere l'attestato di qualificazione energetica da allegare alla fine lavori di una CILA ? Spostare, eliminare o aggiungere dei radiatori, senza intervenire sui tubi dell'impianto, è considerata una ristrutturazione dell'impianto termico ?
GrazieCome ulteriormente chiarito nelle FAQ del MISE sull’efficienza energetica degli edifici, seconda_serie, del 1 agosto 2016, e nello specifico la FAQ 2.14:
Un intervento limitato ai soli radiatori, senza coinvolgere i sottosistemi di generazione e di distribuzione, non può essere considerato un intervento di Ristrutturazione dell'impianto termico, né di Modifica sostanziale dell’impianto.
Per tanto sulla base della Legislazione Nazionale non è prescritta la redazione dell’AQE.

Arch. Bruno Salsedo

Non hai trovato una risposta al tuo problema?

Se sei iscritto all'Ordine degli Architetti di Roma e provincia puoi porre il tuo quesito direttamente a un nostro consulente. Cercheremo di rispondere prima possibile e nei limiti delle nostre competenze e possibilità.

  • Hai dimenticato il nome utente o la password? Se sei un architetto iscritto all'Ordine di Roma ma non ricordi il nome utente o la password vai alla pagina di recupero password.