Titoli Autorizzativi per Lavori Pubblici

Salve, avrei bisogno di una sua gentile conferma riguardo la sussistenza per l’architetto incaricato di lavori pubblici degli stessi obblighi sussistenti in caso di lavori privati quanto all’acquisizione di titoli autorizzativi.
Mi pare di capire che, come recita il DPR 380/01 all’art. 7, il professionista non sia tenuto all’attivazione delle procedure per l’ottenimento dei titoli autorizzativi comunali, come avviene nell’edilizia privata (CILA, SCIA, ecc.), in quanto adempimento in capo alle amministrazioni pubbliche. Vorrei sapere se questo è valido anche per le autorizzazioni sismiche, per i nulla osta rilasciati dalle soprintendenze, per i pareri ASL, ecc., soprattutto alla luce delle verifiche che un professionista deve effettuare sui documenti in caso ad esempio di coordinamento della sicurezza.
Grazie.
Cordiali saluti.
Buongiorno
Il professionista incaricato di effettuare l’attività professionale di progettazione per la realizzazione di opere pubbliche è esonerato dal dover acquisire qualsivoglia autorizzazione inerente la realizzazione dell’opera medesima.

Il Codice dei Contratti Pubblici, DLgs 18 aprile 2016 e s.m.i. , all’art. 27 “Procedure di approvazione dei progetti relativi ai lavori” stabilisce al comma 1 che “L’approvazione dei progetti viene effettuata in conformità alla legge 241/’90 e s.m.i. ed alle disposizioni statali e regionali che regolano la materia. Si applicano le disposizioni in materia di conferenza di servizi dettate dagli articoli 14-bis e seguenti della citata legge 241 del 1990.”

Cordiali saluti

Non hai trovato una risposta al tuo problema?

Se sei iscritto all'Ordine degli Architetti di Roma e provincia puoi porre il tuo quesito direttamente a un nostro consulente. Cercheremo di rispondere prima possibile e nei limiti delle nostre competenze e possibilità.

  • Hai dimenticato il nome utente o la password? Se sei un architetto iscritto all'Ordine di Roma ma non ricordi il nome utente o la password vai alla pagina di recupero password.