FAQ sportello: Legale - Diritto Amministrativo

Requisito Partecipazione Concorso

Preg.mo Avvocato, sono un Dipendente Pubblico e vorrei partecipare ad un Concorso on line per la Riserva Selezionata dell' Arma dei Carabinieri e tra i vari requisiti c'è quello di avere un età minima di 27 anni ed aver esercitato continuativamente l' attività professionale in materie di interesse della F.A. per almeno 2 anni, così come stabilito dal D.M. 10 Agosto 2018, nella tabella allegata al D.M. nella fascia corrispondente alla mia età bisogna avere minimo 45 anni e aver svolto continuativamente l' attività professionale almeno 10 anni, ora io sono nato il 22.11.1974 e ho 11 anni di iscrizione all' Albo, mi chiedo se nel mio caso essendo Dipendente Pubblico dal 2011 se per partecipare è sufficiente nel avere l' iscrizione all' Albo che ho sempre mantenuto, infatti per il conflitto d' interessi non avrei mai potuto avere una partita iva oppure non basta come requisito??
Lo chiedo perché devo attestarlo nella domanda on line e vorrei dichiarare secondo quanto previsto dalla Norma.
In attesa di un suo riscontro porgo Cordiali Saluti

Recupero Crediti

Buongiorno, ho dato una consulenza per la vendita di un immobile ad una societa' ricevendo un acconto del 50% al compromesso e all'atto del rogito, la societa' stessa con la scusa di costi aggiuntivi non vuole riconoscermi il saldo che ancora non ho fatturato. All'atto del compromesso abbiamo firmato un documento in cui la soc. si impegnava a pagare...Come posso fare per obbligare la soc. a pagare?....c'è l'opportunita' di essere appoggiato dall'ordine per fare pressione su questi personaggi?
Attendo fiducioso

Stima per Compendio Immobiliare

Nella qualità di CTU nella procedura 000/2015, Tribunale di Roma IV sez., ritenuta l'esecuzione improcedibile per vizi sul titolo del creditore, avendo depositato la perizia in data 01/11/2016 mi sono ritrovato un decreto del 08/05/2019 del giudice dell'esecuzione decurtato. Il giudice non ha tenuto conto della mia notula ed ha improvvisato parametri al di sotto del valore di un singolo immobile.
Brevemente
-la stima non comprendeva una singola unità immobiliare ma un compendio immobiliare costituito da cinque immobili tre dei quali di prego, con caratteristiche e ubicazioni diverse anche nella localizzazione urbana nel comune di Roma, dal centro storico alla periferia, e che hanno costituito quattro lotti distinti, così come risulta dalla voluminosa perizia depositata e i sui numerosi allegati;
-che non si è tenuto conto della presenza di una pluralità di immobili diversi tra loro;
-che in base alla Corte di Cassazione Sentenza n. 5325 del 17/03/2016 la quale riporta “…in presenza di una pluralità di immobili diversi tra loro, l’importo stimato è quello corrispondente ad ogni singola stima di immobile che abbia autonome caratteristiche valutative”.
Vorrei poter fare ricorso ma nessun avvocato di mia conoscenza è in grado.
Cosa posso fare?
Grazie

Contratto o Partita IVA per Carica di Responsabile Tecnico di una Impresa di Ristrutturazioni

Buongiorno,
mi è stato proposto di lavorare presso un’impresa edile che si occupa di ristrutturazioni. Il ruolo che andrei a svolgere è quello di responsabile tecnico dell’impresa con la necessità di firmare certificazioni (elettriche, del gas ecc) e di firmare contestualmente alle ristrutturazioni, qualora necessarie, anche pratiche edilizie come CILA, SCIA ecc.
Mi è stato detto che questo è possibile farlo (in regolarità con la camera di commercio) con un contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato (in quanto non possono essere firmate certificazioni solo con possesso di p.iva) e che inoltre è necessario aprire p.iva per poter firmare pratiche edilizie. Mi chiedevo se tutto ciò è corretto o se è possibile svolgere tutte queste mansioni avendo solamente un contratto di lavoro dipendente o solo p.iva.
Grazie per la disponibilità.

Conflitto d’Interessi tra Figure Professionali

Buongiorno avvocato, sono socio di una Srl che compra terreni, affida l'appalto della costruzione ad un'impresa e poi vende. Allo stato attuale sono il Progettista e Direttore dei lavori dell'opera che inizierà a breve.
Ho fatto delle ricerche ma la normativa non è affatto chiara in questo.
La mia domanda è:
Essendo socio di questa Srl posso svolgere l'attività di Direttore dei Lavori e Coordinatore della sicurezza (CSP e CSE) o questo crea un conflitto di interessi tra le tre figure professionali?
Posso svolgere tutte e tre le attività o qualcuna di queste va in conflitto con le altre?
Cordiali saluti

Info relative alla Costituzione di una STP

Buongiorno, ho costituito insieme ad altri 3 soci (tutti architetti) una S.t.p a r.l. la cui iscrizione alla camera di commercio verrà finalizzata il 6 maggio p.v. Avrei quindi bisogno di alcuni chiarimenti in merito:
All'iscrizione della S.t.p. all'Ordine, riceveremo un tesserino ed un timbro? Se sì, quali operazioni potranno essere svolte con tali dispositivi?
I progetti potranno essere firmati dalla S.t.p.? Se sì, potranno essere firmati dalla sola S.t.p. o dovrà comparire la firma di (almeno?) un socio progettista? In quest'ultima ipotesi, il progetto potrà essere firmato da tutti i soci? Potrebbe chiarire la questione delle responsabilità?
La domanda precedente sorge, tra altre ragioni, per la questione dei requisiti: i requisiti acquisiti per la progettazione di una determinata opera saranno in capo alla S.t.p., in capo al/i socio/i progettista/i firmatari/o o in capo ad entrambi?
Nell'eventualità dello scioglimento della S.t.p., come vengono gestiti/ripartiti i requisiti tra i soci? O si perdono?
Vista l'urgenza che abbiamo di finalizzare la firma di un contratto, vorremmo sapere se una S.t.p. non ancora iscritta all'Ordine e ad Inarcassa (ma ovviamente in procinto di farlo) può già firmare un contratto per la prestazione di servizi di progettazione.
Ringraziandola anticipatamente, invio cordiali saluti

Autorizzazione all’Utilizzo di Fotografie di un Progetto di Interior Design

Buongiorno e grazie innanzitutto,
ho un problema con dei clienti:
Ho progettato (progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva) un piccolo negozio per gastronomia ricercata, in zona Farnesina.
Ho svolto al meglio i mio incarico, tanto che non ho avuto problemi con pagamento e saldo. I clienti, convinti di risparmiare non hanno affidato a me la Direzione dei Lavori, ed è ovviamente successo un disastro con Ditta e tempi di consegna.
Dato che sono poi andati in causa con la ditta non mi hanno permesso di fare il servizio fotografico professionale che faccio sempre a fine lavori, benchè io abbia lettera d'incarico firmata con specifici punti su questo tema.
E' davvero un bel lavoro e ho bisogno delle foto, ma non voglio spostare il tutto su un piano legale. Visto che loro utilizzano le foto del locale sui social vorrei capire se queste foto, data la pubblicazione on line e data la mia lettera d'incarico, sono utilizzabili anche da me. Ho chiesto e cercato delucidazioni ma non arrivo ad una risposta univoca al mio problema che possa darmi la sicurezza di non complicarmi la vita ma fare solo ciò che è giusto e che è stato pattuito all'inizio (anche perchè ho mantenuto bassa la mia parcella contando sull'utilizzo pubblicitario delle foto, che mi avrebbero presumibilmente portato altre commesse).
Potete aiutarmi a risolvere questa situazione?
Grazie mille

Non hai trovato una risposta al tuo problema?

Se sei iscritto all'Ordine degli Architetti di Roma e provincia puoi porre il tuo quesito direttamente a un nostro consulente. Cercheremo di rispondere prima possibile e nei limiti delle nostre competenze e possibilità.

  • Hai dimenticato il nome utente o la password? Se sei un architetto iscritto all'Ordine di Roma ma non ricordi il nome utente o la password vai alla pagina di recupero password.