MANCATA NOMINA DEL COORDINATORE DELLA SICUREZZA.

In un cantiere privato soggetto a “DIA in alternativa al Permesso di Costruire”, oltre all’Impresa appaltatrice, dovrà intervenire un’altra impresa specializzata nella rimozione dell’amianto per una giornata di lavoro.
Il committente, per risparmiare, non vuole nominare un coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione, in fase di esecuzione e fare l’invio della notifica preliminare pur consapevole delle sanzioni amministrative e penali che rischia.
Quali sono le responsabilità e che tipo di sanzioni invece avrebbe il Direttore dei Lavori?

Il committente (o il responsabile dei lavori) nei cantieri in cui è prevista la presenza, anche non contemporanea, di più imprese esecutrici designa – contestualmente all’affidamento dell’incarico di progettazione – il coordinatore della sicurezza in fase di progettazione e – prima dell’inizio dell’affidamento dei lavori – il coordinatore della sicurezza in fase di esecuzione. La disposizione di cui al comma 3 (designazione del CSP) non si applica ai lavori privati, non soggetti a permesso di costruire e di importo inferiore a 100mila euro. In tal caso le funzioni del CSP sono svolte dal CSE.

La mancata nomina del coordinatore della sicurezza da parte del committente privato è un tema delicato, nonostante configuri una violazione di carattere penale sanzionata con l’(arresto sino a sei mesi o ammenda sino a 7.014,00 euro.
Si inoltra la risposta fornita da parte di funzionari degli Organi di vigilanza in seminari e convegni:

Il Direttore dei lavori al momento dell’entrata in cantiere della seconda impresa, in caso di mancata nomina del CSE, deve sospendere i lavori e segnalare la violazione allo SPRESAL della azienda USL competente per territorio ed alla Direzione Provinciale del Lavoro.

Si evidenzia, sommessamente, che l’incarico di direttore dei lavori, come tutti gli incarichi professionali, è revocabile in ogni momento dal committente se decade il rapporto fiduciario.

In merito a responsabilità e/o sanzioni si rappresenta che il D.lgs. n.81/08 non prevede sanzioni a carico del direttore dei lavori per la mancata nomina del coordinatore della sicurezza, ma in caso, malaugurato, di infortunio ogni figura verrà chiamata a rispondere del proprio operato e di eventuali manchevolezze e/o omissioni.
Ing. Michele Di Pasquale

Non hai trovato una risposta al tuo problema?

Se sei iscritto all'Ordine degli Architetti di Roma e provincia puoi porre il tuo quesito direttamente a un nostro consulente. Cercheremo di rispondere prima possibile e nei limiti delle nostre competenze e possibilità.

  • Hai dimenticato il nome utente o la password? Se sei un architetto iscritto all'Ordine di Roma ma non ricordi il nome utente o la password vai alla pagina di recupero password.