Obbligo formativo – scadenza secondo triennio 2017-2019

 

 

Gentili iscritti,

si ricorda che entro il 31 dicembre 2019, termine del secondo triennio formativo (2017/2019), è necessario ottemperare all’obbligo di aggiornamento professionale continuo, acquisendo i 60 crediti formativi complessivi (di cui 48 cfp ordinari e 12 cfp sulle tematiche delle discipline ordinistiche).

Si raccomanda di non attendere la fine dell’attuale triennio (31 dicembre 2019) per completare il proprio percorso formativo. Si suggerisce di consultare l’ampia offerta presente, anche in modalità FAD, (https://ordine.architettiroma.it/formazione/) al fine di non incorrere in procedimenti disciplinari, che sono già in corso per il primo triennio (2014/2016).

Si fa presente che chi non è in regola con l’obbligatorietà formativa per il primo triennio (2014/2016), dovrà comunque recuperare i crediti formativi mancanti del primo triennio ed effettuare quelli del secondo triennio (2017/2019) entro l’anno.

– Per l’attuale triennio, si ricorda che può essere chiesto l’esonero dall’obbligo formativo nei seguenti casi:

  • Maternità, paternità e adozione;
  • Malattia grave, infortunio;
  • Altri casi di documentato impedimento derivante da cause di forza maggiore e situazioni di eccezionalità;
  • Docenti a tempo pieno (ordinari, associati, ricercatori), iscritti nell’elenco speciale, ai quali è precluso l’esercizio della libera professione (Legge n. 382/1980) o che si trovano all’estero, dichiarando di non esercitare la libera professione;
  • Coloro che non esercitano la professione neanche occasionalmente per tre anni dichiarando di:

– non essere in possesso di partita IVA, personale o societaria, né soggetto al relativo obbligo in relazione ad attività rientranti nell’oggetto della professione;

– non essere iscritto alla Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza, né soggetto al relativo obbligo;
– non esercitare l’attività professionale neanche occasionalmente e in qualsiasi forma (sia in forma di libero professionista che di dipendente).

Per saperne di più vai alla pagina “Formazione” al seguente: LINK

 N.B. Per gli architetti con almeno 20 anni di iscrizione all’albo, l’obbligatorietà formativa cessa al compimento del 70° anno di età, senza necessità di presentare alcuna richiesta, (se si compiono i 70 anni durante il triennio il numero dei crediti da acquisire è parziale).

Solo per l’attuale triennio (2017/2019), nella sezione “Le mie certificazioni” è prevista l’autocertificazione delle seguenti attività formative:

 

  1. corsi abilitanti relativi a sicurezza, VV.FF., acustica, certificazione energetica, se organizzati da organismi pubblici regionali, statali o comunque da questi accreditati e non organizzati dal Sistema Ordinistico;
  2. le attività di cui al punto 5.3 Linee Guida CNAPPC (Master universitario di primo e secondo livello, assegni di ricerca, dottorato di ricerca, scuole di specializzazione, corsi di perfezionamento universitari, seconda o ulteriore laurea, corsi abilitanti all’insegnamento per discipline affini all’architettura previsti dal Decreto Ministeriale n. 249 del 10 settembre 2010);
  3. le attività/eventi formativi di cui al punto 5.4 lettere “b” Linee Guida CNAPPC (attività particolari quali mostre, fiere ed altri eventi assimilabili), “c” (monografie, articoli e saggi scientifici o di natura tecnico-professionale);
  4. le esercitazioni e mobilitazioni di protezione civile di cui al punto 5.2.2. Linee Guida CNAPPC;
  5. attività formativa svolta all’estero;
  6. attività formativa degli enti pubblici nei confronti dei propri dipendenti o dei dipendenti di altri enti pubblici, solo nel caso in cui non siano stati attivati specifici accordi/protocolli d’intesa previsti al punto 5.5. Linee Guida CNAPPC;
  7. corsi o eventi organizzati e accreditati da altri Ordini e Collegi sul territorio nazionale (ad esempio l’Ordine degli Ingegneri, il Collegio dei Geometri, ecc..), solo nel caso in cui non sia stato richiesto preventivo accreditamento al CNAPPC o ad un Ordine degli Architetti territoriale.

                                                                          il Segretario                                                                                          il Presidente
                                                              Architetto Alessandro Panci                                                            Architetto Flavio Mangione